Nuovi cimeli al Museo

La collezione del Museo del Calcio di Coverciano si arricchisce di due preziosi cimeli, testimoni della storia azzurra: una medaglia dei Mondiali del ’34 ed una cartolina autografata, raffigurante la Nazionale nel ’47.

La medaglia in bronzo, conferita ai partecipanti al Campionato del Mondo del 1934 e disegnata dallo scultore toscano Dante Manetti, è appartenuta ad Uberto Aruga, Dirigente della FIGC. Quei Mondiali, organizzati proprio in Italia, dal 27 maggio al 10 giugno, rappresentano il primo trionfo iridato della Nazionale azzurra, che in finale sconfisse la Cecoslovacchia per 2-1.

Il secondo cimelio è una cartolina raffigurante la Nazionale italiana di calcio, subito prima del calcio d‘inizio della sfida giocata a Torino, l’11 maggio del 1947, contro l’Ungheria (3-2 per gli Azzurri il risultato finale). A rendere ancora più preziosa la cartolina, le 15 firme presenti sul lato dietro l’immagine: gli undici titolari, il Commissario tecnico Vittorio Pozzo e tre riserve, tra cui i giovanissimi Boniperti e Parola.

I due nuovi cimeli saranno collocati nella prima sala del Museo, che racconta – attraverso reperti originali, di inestimabile valore - i successi mondiali della Nazionale, nel 1934 e 1938, e la vittoria alle Olimpiadi di Berlino nel 1936.

 

Sia la medaglia che la cartolina sono stati acquisiti dalla Fondazione Museo del Calcio in occasione dell’asta “Football Memorabilia”, organizzata da Aste Bolaffi. 

Pin It

figc.it nuovo ghinea assoallenatori.it

Utilizziamo solo i nostri cookie e quelli di terze parti per migliorare la qualità della navigazione.

Gli utenti sono invitati a leggere la Privacy Policy e la Cookies Policy Per saperne di piu'

Approvo

I cookies sono necessari per questo sito internet per funzionare correttamente.Gli utenti sono invitati a leggere la Privacy Policy e la Cookies Policy che si applica alla navigazione del Sito e alla fruizione dei servizi od altre funzionalità offerte sul Sito. La Privacy Policy e la Cookies Policy del sito sono state aggiornate alle disposizioni dell’art. 13 del nuovo regolamento europeo 679/2016 (GDPR). Utilizzando questo sito stai accettando la privacy policy e utilizzo dei cookies.

La Fondazione Museo del Calcio garantisce il rispetto del nuovo regolmento europeo 679/2016 GDPR in materia di protezione dei dati personali. Privacy policy

La Fondazione Museo del Calcio utilizza dei cookies per questo sito internet. I cookies sono necessari per questo sito internet per farlo funzionare correttamente. Cookies policy

EU regolamento generale sulla protezione dei dati (EU-RGPD)